Palazzo del Parlamento

Palazzo del Parlamento

Simbolo della megalomania del dittatore Ceausescu, il Palazzo del Parlamento Rumeno è il secondo edificio più grande del mondo dopo il Pentagono statunitense.

Quando la follia diventa realtà

L'idea di possedere il palazzo più imponente del mondo cominciò a prendere il sopravvento nella mente del dittatore dopo una visita ufficiale al suo corrispettivo nordcoreano. Quando poi Bucarest fu distrutta dal terremoto del 1977, Ceausescu approfitto del clima di confusione per ricostruire la città a suo piacimento.

Pur di dare libero sfogo alla propria smisurata ambizione, il dittatore non si fece scrupoli prima di demolire qualsiasi costruzione o edificio storico che impedisse la realizzazione del suo progetto megalomane: l'ego esagerato di Ceausescu rase al suolo templi, fabbriche, ospedali e abitazioni private, lasciando senza dimora oltre 40.000 persone.

I lavori di costruzione del Palazzo del Parlamento, durati cinque anni,  furono eseguiti a marcia forzata da più di 20.000 lavoratori, molti dei quali persero la vita a causa dei massacranti turni da 24 ore, sette giorni su sette: c'è chi dice che alcuni corpi siano rimasti là, sepolti per sempre sotto una coltre di cemento...

Come se non bastasse, per ottenere i finanziamenti necessari alla realizzazione del progetto, una quota pari a cinque volte l'importo del bilancio pubblico della Romania, Ceausescu contrasse un ingenti debito estero, gettando il paese nella miseria assoluta.

Il Parlamento in cifre

Il Parlamento si estende su una superfice di 365.000 metri quadri che ospita un totale di 1.100 stanze ricoperte da oltre 200.000 metri quadri di tappeti e 900.000 metri quadri di legno che brillano sotto i bagliori di 480 scintillanti lampadari a goccia.

Questo colosso, lungo 240 metri e largo 270 metri, si divide in 12 piani in superficie e 8 piani interrati, dei quali uno è, ovviamente, un bunker.

Imprescindibile

L'edificio del Parlamento rientra tra le principali attrazioni turistiche della città, una visita obbligata per comprendere la storia recente di Bucarest.

Le norme del Parlamento obbligano a prenotare la visita con almeno 24 ore di anticipo, chiamando i seguenti numeri di telefono: (+40) 733 558 102 o (+40) 733 558 103.

Orario

Da marzo a ottobre: tutti i giorni dalle 09:00 alle 17:00.
Da novembre a febbraio: tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00.

Prezzo

Adulti: 40 LEI.
Studenti: 20 LEI.
Dai 7 ai 18 anni: 10 LEI.

Trasporto

Metro: Izvor, linee M1 e M3.
Autobus: linee  136 e 385.